Numero 46 -


Il divieto di lucro “copre” dal rischio di contaminazione

Architrave del ragionamento del Consiglio di Stato è il principio di gratuità del sangue umano, sancito nel nostro ordinamento dall'articolo 4 della legge n. 219 del 2005, a norma del quale «Il sangue umano non è fonte di profitto». Con questa norma lo Stato italiano si è mosso in linea con quanto gli consentiva la direttiva europea n. 2002/98/Ce.

Antonino Masaracchia

Guida al Diritto

Guida al Diritto è il settimanale di documentazione giuridica più diffuso nel mondo legale. L'unico firmato Il Sole 24 ORE.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?

loader