Numero 22 -


Il sistema di rinvio alla Corte Ue ripartisce i compiti delle autorità, solo il giudice nazionale decide sulla causa “interna”

Il sistema del rinvio pregiudiziale di cui all'articolo 267 del Tfue ripartisce nettamente i compiti delle autorità, conferendo alla Corte di giustizia Ue il ruolo di interpretazione del diritto dell'Unione, senza attribuzioni nella risoluzione del caso, e al Giudice nazionale il ruolo di decisione della controversia in virtù delle emergenze processuali e del diritto interno, tramite eventualmente la disapplicazione della norma nazionale contraria al diritto dell'unione. Lo chiarisce il Tar Catanzaro sentenza 878/2018.

Guida al Diritto

Guida al Diritto è il settimanale di documentazione giuridica più diffuso nel mondo legale. L'unico firmato Il Sole 24 ORE.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?

loader