Numero 6 -


L’assoluzione del lavoratore in sede penale non ostacola la possibilità di licenziamento disciplinare

Possibile intimare un licenziamento disciplinare anche al dipendente che è stato assolto in sede penale. La contestazione dell’addebito disciplinare a carico del lavoratore subordinato, infatti, non è assimilabile alla formulazione dell’accusa nel processo penale, assolvendo esclusivamente alla funzione di consentire al lavoratore incolpato di esercitare pienamente il proprio diritto di difesa. Ne consegue che la contestazione va sempre valutata in modo autonomo rispetto a eventuali imputazioni in sede penale a carico del lavoratore.

Guida al Diritto

Guida al Diritto è il settimanale di documentazione giuridica più diffuso nel mondo legale. L'unico firmato Il Sole 24 ORE.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?

loader