Numero 18 -


Negata al lavoratore l’erogazione del premio fedeltà se non rassegna le dimissioni quando è trasferita l’azienda

Non ha diritto all’erogazione del premio di fedeltà il lavoratore che sia transitato, per effetto di trasferimento di ramo di azienda, alle dipendenze di altro datore di lavoro che applica un contratto collettivo che non prevede l’erogazione del premio, ove la clausola pattizia subordini il diritto non solo alla maturazione dell’anzianità di servizio, ma anche all’evento delle dimissioni.

Guida al Diritto

Guida al Diritto è il settimanale di documentazione giuridica più diffuso nel mondo legale. L'unico firmato Il Sole 24 ORE.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?

loader