Numero 27 -


Ritenuto irragionevole il divieto di diagnosi preimpianto

Con palese antinomia normativa l’ordinamento consente, infatti, alle coppie portarici di malattie genetiche trasmissibili di perseguire l’obiettivo di procreare un figlio non affetto dalla specifica patologia ereditaria, attraverso l’interruzione volontaria di gravidanze naturali quando, in base a normali indagini prenatali, siano accertate malformazioni del nascituro.

Antonino Porracciolo

Guida al Diritto

Guida al Diritto è il settimanale di documentazione giuridica più diffuso nel mondo legale. L'unico firmato Il Sole 24 ORE.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?

loader