Numero 7 -


Negata l’esistenza del diritto a non nascere

L’affermazione di una responsabilità del medico verso il nato aprirebbe la strada a un'analoga colpa della madre, che, benché correttamente informata, abbia portato a termine la gravidanza: dato che riconoscere la facoltà di non venire al mondo malati comporterebbe, quale simmetrico termine del rapporto giuridico, l’obbligo della donna di abortire.

Eugenio Sacchettini

Guida al Diritto

Guida al Diritto è il settimanale di documentazione giuridica più diffuso nel mondo legale. L'unico firmato Il Sole 24 ORE.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?

loader