Numero 4 -


L'eccezione tardiva di incapacità a testimoniare

L’art. 2051 c.c. costituisce ipotesi di responsabilità oggettiva, per la quale è sufficiente che sussista nesso causale tra la cosa in custodia e il danno arrecato, senza che al riguardo rilevi la condotta serbata dal custode e l’osservanza o meno di un obbligo di vigilanza, in quanto la nozione di custodia non presuppone, né implica uno specifico obbligo di custodia analogo a quello previsto per il depositario e funzione della norma è, d’altro canto, quella di imputare la responsabilità a chi si trova nelle condizioni di controllare i rischi inerenti alla cosa.

Guida al Diritto

Guida al Diritto è il settimanale di documentazione giuridica più diffuso nel mondo legale. L'unico firmato Il Sole 24 ORE.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?

loader