Numero 47 -


Fallimento società “in house”: doppia azione di responsabilità, contro i vertici il giudice ordinario per danno erariale Corte dei conti

In caso di fallimento di una società cosiddetta in house (nella specie partecipata esclusivamente da un Comune), l‘azione di responsabilità nei confronti degli amministratori e dei direttori generali esercitata dal curatore, ai sensi dell’articolo 146, comma 2, della legge fallimentare, appartiene alla giurisdizione del giudice ordinario senza precludere il possibile concorso della giurisdizione contabile in caso di azione di responsabilità promossa dal Procuratore della Repubblica presso la Corte dei conti. Lo ha detto la Cassazione con la sentenza 22406/2018.

Guida al Diritto

Guida al Diritto è il settimanale di documentazione giuridica più diffuso nel mondo legale. L'unico firmato Il Sole 24 ORE.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?

loader