Numero 35 -


Parto anonimo: l’incapacità della madre condiziona il consenso a rivelare la sua identità

In presenza di un  parto anonimo la madre naturale se incapace non può esprimere il consenso a rivelare la propria identità. Lo hanno affermato i giudici della sezione Prima della Corte di cassazione con la sentenza 9 agosto 2021 n. 22497.

Guida al Diritto

Guida al Diritto è il settimanale di documentazione giuridica più diffuso nel mondo legale. L'unico firmato Il Sole 24 ORE.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?

loader