Dettate le condizioni che rendono legittima l’applicazione retroattiva dello ius superveniens

Con una sentenza resa all'unanimità il 27 gennaio 2015, la Grande Camera della Corte europea dei diritti dell'uomo ha affrontato il tema dei rapporti tra reati di durata e principio di irretroattività in malam partem delle norme penali, fissando le condizioni affinché l'applicazione retroattiva dello jus superveniens ai reati continuati possa ritenersi compatibile con le garanzie del nullum crimen consacrate dall'articolo 7 della Cedu.

Andrea Saccucci e Giulia Borgna

Guida al Diritto

Guida al Diritto è il settimanale di documentazione giuridica più diffuso nel mondo legale. L'unico firmato Il Sole 24 ORE.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?

loader