Ritardo voli in code-sharing: indennizzo dal vettore dal quale si è comprato il biglietto e che copre solo la prima tratta

I passeggeri che subiscono ritardi per voli operati da più vettori in code-sharing hanno il diritto di rivolgersi alla compagnia aerea dalla quale hanno effettuato la prenotazione o acquistato il biglietto per ottenere la compensazione dovuta dal vettore a causa del ritardo subito. E questo anche quando la compagnia ha coperto solo la prima tratta, per di più in orario. Lo ha stabilito la Corte di giustizia dell’Unione europea con la sentenza dell’11 luglio nella causa C-502/18.

Marina Castellaneta

Guida al Diritto

Guida al Diritto è il settimanale di documentazione giuridica più diffuso nel mondo legale. L'unico firmato Il Sole 24 ORE.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?

loader