Numero 44 -


Pubblico impiego: il datore può trasformare senza consenso un rapporto di lavoro da part-time a tempo pieno

Legittima la norma del collegato lavoro del 2010 (legge 183/2010) che prevede la possibilità per le pubbliche amministrazioni di trasformare un rapporto di lavoro da part-time a tempo pieno. I principi Ue (come quelli dettati dalla direttiva n. 97/81/Ce) non vietano che una normativa possa riconoscere al solo datore di lavoro la facoltà di disporre la trasformazione di un contratto di lavoro da tempo parziale a tempo pieno, anche senza consenso del lavoratore. Il principio lo ha stabilito la Corte di giustizia europea nella sentenza pronunciata nella causa C-221/13.

Aurora Vimercati

Guida al Diritto

Guida al Diritto è il settimanale di documentazione giuridica più diffuso nel mondo legale. L'unico firmato Il Sole 24 ORE.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?

loader