Numero 6 -


L’attenuante della minore gravità del fatto nel reato di violenza sessuale

LA QUESTIONE La riforma sui reati sessuali, che ha abolito la distinzione tra violenza carnale e atti di libidine, ha lasciato spazio a dubbi interpretativi sulle definizioni e sulle classificazioni oppure, al contrario, può considerarsi consolidato l’aspetto strutturale delle varie fattispecie? Esistono criteri pacifici per distinguere le ipotesi criminose meritevoli del riconoscimento dell’attenuante?

Elaborato dall'Avv. Alessia Sorgato
e aggiornato dall'Avv. Serena Gentile

Guida al Diritto

Guida al Diritto è il settimanale di documentazione giuridica più diffuso nel mondo legale. L'unico firmato Il Sole 24 ORE.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?

loader