Numero 46 -


L’assegnazione in custodia va chiesta all’autorità giudiziaria

La norma non disciplina puntualmente i provvedimenti che possono essere adottati dall’autorità giudiziaria sulla richiesta di affidamento in uso. È da ritenere che il provvedimento debba assumere la veste del decreto motivato e poi  che la richiesta possa essere rigettata non solo “per esigenze processuali” ostative, ma anche, perché infondata.

Giuseppe Amato

Guida al Diritto

Guida al Diritto è il settimanale di documentazione giuridica più diffuso nel mondo legale. L'unico firmato Il Sole 24 ORE.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?

loader