Numero 40 -


Escluso il reato di procurata inosservanza della pena se l’agente non svolge attività di copertura

Non può rispondere del reato di procurata inosservanza di pena, il soggetto nei cui confronti non sia stata accertata la condotta specifica posta in essere per favorire il detenuto a sottrarsi all'esecuzione della pena, non essendo sufficiente l'aver sottoscritto il verbale di affidamento, predisposto dal magistrato di sorveglianza, con cui era stato concesso al ristretto il permesso di allontanarsi dalla casa di reclusione. Lo ha detto la Cassazione e con la sentenza n. 37980 del 2016.

Guida al Diritto

Guida al Diritto è il settimanale di documentazione giuridica più diffuso nel mondo legale. L'unico firmato Il Sole 24 ORE.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?

loader