Numero 16 -


È possibile sostituire la lettera raccomandata di cui può avvalersi il difensore con la comunicazione telematica

Valida la notifica a mezzo Pec che il difensore dell’imputato ha effettuato in favore del difensore della persona offesa, quando questa è richiesta a pena di inammissibilità, posto che la lettera raccomandata di cui può avvalersi il difensore, può essere sostituita dalla comunicazione a mezzo Pec. Lo hanno stabilito i giudici della Cassazione con la sentenza n. 6883 del 2017.

Guida al Diritto

Guida al Diritto è il settimanale di documentazione giuridica più diffuso nel mondo legale. L'unico firmato Il Sole 24 ORE.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?

loader