Numero 17 -


Aggravante dell’abuso di potere nei reati a sfondo sessuale commessi dal sacerdote nel corso di attività ricreative

In materia di reati sessuali, l'aggravante del fatto commesso con abuso dei poteri, o con violazione dei doveri inerenti la qualità di ministro di un culto, non si configura solo nel caso in cui la condotta sia stata perpetrata nella sfera tipica e ristretta delle funzioni e dei servizi propri del ministero sacerdotale, ma anche nell'ipotesi in cui tale ruolo abbia facilitato la commissione del reato. Lo ha stabilito la sentenza n. 1949 del 2017 della Cassazione.

Guida al Diritto

Guida al Diritto è il settimanale di documentazione giuridica più diffuso nel mondo legale. L'unico firmato Il Sole 24 ORE.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?

loader