Numero 25 -


La mancanza di “vizi” esclude in modo netto valutazioni di merito

Il ricorso è stato dichiarato inammissibile ed è “costato” all’imputato, oltre alle spese processuali, 4.000 euro, per la Cassa delle ammende. Somme considerevoli, soprattutto, se si pone mente al fatto che tra la data di pronuncia della decisione impugnata e quella di pronuncia della sentenza della Suprema corte sono trascorsi soltanto tre mesi.

Isabella Bricchetti

Guida al Diritto

Guida al Diritto è il settimanale di documentazione giuridica più diffuso nel mondo legale. L'unico firmato Il Sole 24 ORE.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?

loader