Numero 26 -


Anche dietro la colpa si “nasconde” un doppio requisito

Nei reati colposi d’evento, il finalismo della condotta è compatibile con la non volontarietà dell’evento lesivo, sempre che si accerti che il comportamento che ha cagionato quest’ultimo sia stato determinato da scelte rispondenti all’interesse dell’ente o finalizzato all’ottenimento di un vantaggio.

Giuseppe Amato

Guida al Diritto

Guida al Diritto è il settimanale di documentazione giuridica più diffuso nel mondo legale. L'unico firmato Il Sole 24 ORE.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?

loader