Numero 41 -


Caso Berlusconi-De Gregorio: il “pagamento” dei senatori vista l’autonomia della funzione è corruzione impropria

Nei confronti del parlamentare non è mai configurabile il reato di corruzione propria (per atto contrario ai doveri di ufficio), antecedente e/o susseguente, ma solo quello di corruzione cosiddetta “impropria” ex articolo 318 del Cp, atteso che il sistema costituzionale e penale non può tollerare un'ingiustificata locupletazione o, comunque, l'acquisizione di un vantaggio non previsto, sinallagmaticamente correlato al pur insindacabile esercizio di essa da parte del parlamentare. Loa ha affermato la Corte di cassazionecon la sentenza 11 settembre 2018 n. 40347.

Guida al Diritto

Guida al Diritto è il settimanale di documentazione giuridica più diffuso nel mondo legale. L'unico firmato Il Sole 24 ORE.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?

loader