Numero 3 -


Le lesioni inferte alla vittima e l’assenza di pentimento giustificano la condanna a venti anni di reclusione

Configura il delitto di atti persecutori, la condotta reiterata, minacciosa o molesta, tale da ingenerare nella vittima un perdurante e grave stato di ansia o di paura o un fondato timore per l'incolumità propria o di un prossimo congiunto o di persona a essa affettivamente legata, o indurla a mutare abitudini di vita. L’altro principio espresso dalla Cassazione sul caso Annibali.

Guida al Diritto

Guida al Diritto è il settimanale di documentazione giuridica più diffuso nel mondo legale. L'unico firmato Il Sole 24 ORE.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?

loader