Numero 44 -


Assegno di divorzio, senza “tenore di vita” si perde l’uguaglianza

IL TEMA DELLA SETTIMANA Il riferimento alle pregresse condizioni di vita è l’unico criterio che può garantire un punto di partenza equilibrato per decidere l'assetto economico post-matrimoniale. Ma la Cassazione, con la sentenza dello scorso 10 maggio, ha smantellato questo “pilastro” di fatto attaccando lo stesso istituto del matrimonio. Questa la posizione dell’avvocato Gianfranco Dosi, secondo il quale non tenere conto del tenore di vita che la famiglia ha avuto prima del divorzio vuol dire cancellare il principio di uguaglianza tra lavoro casalingo e...

Gianfranco Dosi
Avvocato di diritto di famiglia

Guida al Diritto

Guida al Diritto è il settimanale di documentazione giuridica più diffuso nel mondo legale. L'unico firmato Il Sole 24 ORE.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?

loader