Numero 18 -


Il Cpp ha trent’anni, ma sul “nuovo corso” c’è ancora da lavorare

IL TEMA DELLA SETTIMANA Quest’anno il codice di procedura penale compie trent’anni e il professore Alessandro Diddi traccia un bilancio sulla “breve” vita di questo testo, spesso travagliata e contrastata da varie forze. I nodi più gravi che il nostro ordinamento non ha ancora risolto sono i tempi dei processi e il sovraffollamento delle carceri. Al prossimo Governo si chiede quindi di mettere mano ai due problemi avendo di mira obiettivi concreti: rendere più appetibile il giudizio abbreviato e pensare a una limitazione temporale massima per la custodia in prigione.

Alessandro Diddi
Professore associato di Diritto processuale penale presso l’Università della Calabria e avvocato

Guida al Diritto

Guida al Diritto è il settimanale di documentazione giuridica più diffuso nel mondo legale. L'unico firmato Il Sole 24 ORE.

Sei un nuovo cliente?

Scopri subito le offerte a te riservate

Acquista

Sei già in possesso di username e password?

loader