Numero 12 -


L’assegnazione a una zona di una peculiare destinazione urbanistica è scelta discrezionale

La scelta, compiuta in sede di pianificazione generale, d'imprimere una peculiare destinazione urbanistica a una zona non necessita di particolare motivazione, in quanto essa trova giustificazione nei criteri generali di ordine tecnico-discrezionale seguiti nella impostazione del piano. Lo ha stabilito il Consiglio di Stato, sentenza 12 marzo 2021 n. 2152

Guida al Diritto

Guida al Diritto è il settimanale di documentazione giuridica più diffuso nel mondo legale. L'unico firmato Il Sole 24 ORE.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?

loader