Numero 6 -


Pubblico impiego: la perdita dell’incensuratezza quale giusta causa di licenziamento 

L’ANALISI DELLA DECISIONE Il licenziamento può essere irrogato anche per condotte poste in essere fuori dall'ambito lavorativo, quando siano tali da ledere gli interessi morali e materiali del datore di lavoro o da comprometterne il rapporto fiduciario. Il passaggio in giudicato di una sentenza di condanna penale a carico del lavoratore comporta la perdita della qualità dell’incensuratezza, che è evenienza indubbiamente idonea a scuotere la fiducia del datore di lavoro, se si tiene nel debito conto che la mancanza di precedenti penali è condizione necessaria per l’accesso...

a cura di Vito Carella
Avvocato

Guida al Diritto

Guida al Diritto è il settimanale di documentazione giuridica più diffuso nel mondo legale. L'unico firmato Il Sole 24 ORE.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?

loader