Caso Vivendi: la Corte Ue boccia le norme che congelano le quote in Mediaset

La libertà di stabilimento nello spazio Ue deve essere garantita. Di conseguenza, il divieto di avere partecipazioni in una società di comunicazioni nel momento in cui l'azienda è già titolare di azioni e quote in un'altra impresa, violando le soglie previste dalla legislazione nazionale, non è compatibile con il diritto Ue. Lo ha stabilito la Corte di giustizia dell'Unione europea con la sentenza depositata il 3 settembre 2020 nella causa "italiana" Vivendi SA c. Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni. Per il testo della sentenza della Corte europea dei diritti dell’Uomo www...

Marina Castellaneta

Guida al Diritto

Guida al Diritto è il settimanale di documentazione giuridica più diffuso nel mondo legale. L'unico firmato Il Sole 24 ORE.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?

loader