Somme non dovute versate dalla Pa: irripetibili se c’è buona fede del dipendente

La richiesta di restituzione di somme indebitamente versate dalla pubblica amministrazione è illegittima per violazione dell'art. 1 del Protocollo n. 1 alla Convenzione Europea dei Diritti dell'Uomo, qualora, sussistendo la buona fede dell'accipiens, l'amministrazione agisca per la ripetizione con notevole ritardo rispetto all'erogazione erronea. Questa la decisione della Corte EDU nel caso Casarin contro Italia, 11 febbraio 2021, r.g. n. 4893/13 ( per il testo della sentenza della Corte europea dei diritti dell’Uomo: ntplusdiritto.ilsole24ore.com).

Sira Grosso
e Luca Guelfo

Guida al Diritto

Guida al Diritto è il settimanale di documentazione giuridica più diffuso nel mondo legale. L'unico firmato Il Sole 24 ORE.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?

loader