Periodo minimo di residenza abituale, la categorizzazione voluta dal legislatore Ue non è discriminatoria

Non è una violazione del principio di non discriminazione in base alla nazionalità la scelta del legislatore Ue di distinguere la durata del periodo minimo di residenza abituale richiesto nel caso di forum actoris. È quanto ha stabilito la Corte di giustizia dell'Unione europea con la sentenza del 10 febbraio 2022 nella causa C-522/20 (OE) ( per il testo della sentenza della Corte di giustizia dell’Unione europea : ntplusdiritto.ilsole24ore.com).

Marina Castellaneta

Guida al Diritto

Guida al Diritto è il settimanale di documentazione giuridica più diffuso nel mondo legale. L'unico firmato Il Sole 24 ORE.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?

loader