Ilva, ennesimo richiamo da parte della Cedu per l’assenza di misure sui continui danni dovuti all’inquinamento

Con quattro sentenze depositate il 5 maggio, la Corte di Strasburgo è tornata (e non sarà l'ultima volta) sulla compromissione dei diritti umani da parte dello Stato italiano a causa della situazione dell'Ilva e ha constatato la violazione dell'articolo 8 della Convenzione europea dei diritti dell'uomo che assicura il diritto al rispetto della vita privata e familiare e dell'articolo 13 che garantisce il diritto alla tutela giurisdizionale effettiva.

Marina Castellaneta

Guida al Diritto

Guida al Diritto è il settimanale di documentazione giuridica più diffuso nel mondo legale. L'unico firmato Il Sole 24 ORE.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?

loader