Numero 13 -


Il dovere di ragionare delle parti coinvolte deve essere reciproco

La Corte mostra di non gradire l’idea che l’esigenza di specificità del motivo debba essere valutata in sede di appello con minor rigore rispetto al giudizio di legittimità. Questa affermazione è ineccepibile: l’assunto del «minor rigore nella valutazione» o della «valutazione meno stringente», sviluppato da alcune pronunce di legittimità, non è condivisibile.

Renato Bricchetti

Guida al Diritto

Guida al Diritto è il settimanale di documentazione giuridica più diffuso nel mondo legale. L'unico firmato Il Sole 24 ORE.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?

loader