Numero 29 -


Solo l’imprevedibilità esclude l’applicazione del reato colposo

La Suprema corte conferma la sentenza di condanna nella parte in cui aveva ritenuto l’imputato colpevole di omicidio colposo plurimo per avere investito due pedoni che stavano attraversando la carreggiata, benché ci fosse un sottopassaggio pedonale, per non avere regolato la velocità, vista l’ora notturna e la poca visibilità dovuta alle condizioni atmosferiche.

Carmelo Minnella

Guida al Diritto

Guida al Diritto è il settimanale di documentazione giuridica più diffuso nel mondo legale. L'unico firmato Il Sole 24 ORE.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?

loader