Numero 45 -


Falso fidefacente: non va considerata rilevante la contestazione in fatto della fattispecie aggravata

Il giudice penale non può riconoscere, in sentenza, la fattispecie aggravata del falso in atto pubblico, ai sensi dell'articolo 476, comma 2, del codice penale, qualora la natura fidefaciente dell'atto non sia stata esplicitamente contestata ed esposta nel capo di imputazione, con la precisazione dell'ascrivibilità di tale natura o con formule equivalenti, ovvero con l'espressa indicazione normativa relativa all'aggravante. Così le sezioni Unite 24906/2019.

Guida al Diritto

Guida al Diritto è il settimanale di documentazione giuridica più diffuso nel mondo legale. L'unico firmato Il Sole 24 ORE.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?

loader