Numero 19 -


Illegittimo non prevedere la detenzione domiciliare per le condannate madri di figli affetti da handicap

Con la sentenza n. 18 del 2020 la Corte costituzionale allinea la disciplina della detenzione domiciliare speciale a quella della fattispecie ordinaria, consentendo che il beneficio di cui all'articolo 47-quinquies della legge 354/1975 sia applicabile - senza alcun limite relativo alla quantità della pena da espiare - anche nel caso di condannate madri di figlio affetto da grave handicap ai sensi della legge n. 104 del 1992

Guida al Diritto

Guida al Diritto è il settimanale di documentazione giuridica più diffuso nel mondo legale. L'unico firmato Il Sole 24 ORE.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?

loader