Numero 6 -


Il reato di peculato e le “spese pazze” dei consiglieri regionali

L'ANALISI DELLA DECISIONE La Corte genovese si è occupata della condotta di peculato e falso ex artt. 314 e 479 c.p., la quale è stata contestata a taluni consiglieri regionali liguri per essersi gli stessi asseritamente appropriati del contributo pubblico, ottenuto in ragione della Legge regionale Ligure 38/1990, destinandolo all’acquisto di beni o servizi non pertinenti all’attività politica e presentando il rendiconto annuale falsamente attestante il regolare impiego dei fondi pubblici percepiti dalla Regione Liguria.

a cura di Nicola Scodnik e Francesaca Pastore
Avvocati

Guida al Diritto

Guida al Diritto è il settimanale di documentazione giuridica più diffuso nel mondo legale. L'unico firmato Il Sole 24 ORE.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?

loader