Numero 23 -


Abuso d’ufficio, dovere di astenersi per grave inimicizia solo di tipo professionale

Ai fini della configurabilità del reato di cui all’articolo 323 del codice penale, sotto il profilo della violazione del dovere di astensione, la «grave inimicizia» che può assumere rilievo deve riferirsi a ragioni private di rancore o di avversione sorte nell’ambito di rapporti estranei ai compiti istituzionali. Lo ha stabilito la Cassazione con la sentenza n. 16782/2021.

Guida al Diritto

Guida al Diritto è il settimanale di documentazione giuridica più diffuso nel mondo legale. L'unico firmato Il Sole 24 ORE.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?

loader