Numero 14 -


Divulgare al giornalista atti già noti all’indagato non fa scattare la violazione di legge

Non sussiste più la segretezza degli atti rilevati a un giornalista  e quindi una violazione di legge in relazione agli articoli 326 del codice penale e 329 del codice di procedura penale in quanto all’epoca delle rivelazioni i soggetti indagati avevano già ricevuto l’informazione di garanzia e l’invito a comparire. Lo hanno afffermato i giudici della sesta sezione della Cassazione con la sentenza 16 febbraio 2022 n. 5544.

Guida al Diritto

Guida al Diritto è il settimanale di documentazione giuridica più diffuso nel mondo legale. L'unico firmato Il Sole 24 ORE.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?

loader