Numero 30 -


Non è diffamazione dare dell'omofobo a un magistrato

Una settimana come sempre ricca di sentenze. Ma quelle più interessanti questa volta sono sul fronte comunitario. La Corte di giustizia ha affermato che un sospettato può essere nuovamente sottoposto a indagini in uno Stato Schengen – quindi niente ne bis in idem - se le precedenti indagini in un altro Stato si sono concluse senza un'istruzione adeguata e approfondita. Dai giudici internazionali arrivano anche due condanne per l'Italia per violazione dell'articolo 8 della Cedu sul rispetto della vita privata e familiare.

Andrea Alberto Moramarco

Guida al Diritto

Guida al Diritto è il settimanale di documentazione giuridica più diffuso nel mondo legale. L'unico firmato Il Sole 24 ORE.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?

loader