Numero 40 -


Sì al Daspo urbano nei «presídi sanitari» se non ci sono cure

Nel caso in esame la Corte ha rilevato che già la norma prevede che le modalità di divieto di accesso alle aree protette devono essere compatibili con le esigenze di salute, per cui si deve ritenere che il destinatario possa comunque fruire delle cure, senza che gli sia precluso l’accesso, anche ove costui sia stato destinatario del provvedimento del questore.

Alberto Cisterna

Guida al Diritto

Guida al Diritto è il settimanale di documentazione giuridica più diffuso nel mondo legale. L'unico firmato Il Sole 24 ORE.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?

loader