Numero 5 -


Componente morale della lesione, “rebus” sull’andamento della crescita

Sulla componente morale le scelte fatte nel Dpr appaiano in linea con le acquisizioni della giurisprudenza della Corte costituzionale e della Cassazione. La bontà di queste scelte è testimoniata dal fatto che il Dpr individua una autonoma tabella destinata a determinare la misura del danno morale ed eventualmente relazionale che sia stato provato dal danneggiato individuando un range tra un minimo e un massimo destinato a trovare applicazione in base all’apprezzamento concreto di quanto provato.

Roberto Parziale

Guida al Diritto

Guida al Diritto è il settimanale di documentazione giuridica più diffuso nel mondo legale. L'unico firmato Il Sole 24 ORE.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?

loader