Numero 4 -


Il licenziamento ritorsivo non è equiparabile al licenziamento discriminatorio

LA QUESTIONE Il licenziamento ritorsivo non è equiparabile al discriminatorio, bensì rientra nell'alveo del licenziamento nullo perché riconducibile ad un motivo illecito unico e determinante ai sensi dell'art. 1345 c.c.: diversamente dal discriminatorio è pertanto escluso dalla concorrenza di un'altra finalità legittima.

Guida al Diritto

Guida al Diritto è il settimanale di documentazione giuridica più diffuso nel mondo legale. L'unico firmato Il Sole 24 ORE.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?

loader