Sanzionabile il professionista che utilizza clausole contrattuali equivalenti a quelle vessatorie inserite in pubblici registri

Il diritto dell'Unione europea consente agli Stati di predisporre un registro contenente clausole già classificate come vessatorie e di applicarle anche in altri casi, dichiarando illecite clausole analoghe inserite in contratti malgrado il professionista non sia stato parte al procedimento che inizialmente ha definito come illecite le indicate clausole. È tuttavia necessario che il registro sia trasparente e aggiornato e che il professionista abbia la possibilità di contestare l'applicazione analogica della clausola e l'importo dell'ammenda.

Marina Castellaneta

Guida al Diritto

Guida al Diritto è il settimanale di documentazione giuridica più diffuso nel mondo legale. L'unico firmato Il Sole 24 ORE.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?

loader