Numero 7 -


Sul conduttore l’onere di provare la malafede

La morosità del conduttore nel pagamento dei canoni può essere sanata in sede giudiziale per non più di tre volte nel corso di un quadriennio se l’inquilino alla prima udienza versa l’importo dovuto per tutte le pigioni scadute e per gli oneri accessori maturati sino a tale data, maggiorato degli interessi legali e delle spese liquidate dal giudice.

Eugenio Sacchettini

Guida al Diritto

Guida al Diritto è il settimanale di documentazione giuridica più diffuso nel mondo legale. L'unico firmato Il Sole 24 ORE.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?

loader