Numero 10 -


È reato di tentato stupro la pretesa carnale del coniuge che non si ferma di fronte al rifiuto dell’altro

È tentato stupro la pretesa carnale di un coniuge che non si arresta di fronte al rifiuto dell'altro e che non giunga a compimento soltanto grazie all'intervento di terzi. Lo ha chiarito la Cassazione con la sentenza n. 4601 del 2018.

Selene Pascasi

Guida al Diritto

Guida al Diritto è il settimanale di documentazione giuridica più diffuso nel mondo legale. L'unico firmato Il Sole 24 ORE.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?

loader