Numero 12 -


Elementi di valutazione giudiziale della responsabilità medico-professionale

LA QUESTIONE In tema di responsabilità civile, quando l'evento dannoso eziologicamente riconducibile all'operato del sanitario sia concomitante con altri fattori estranei alla condotta umana e preesistenti il giudice deve accertare l'efficienza causale della condotta umana sulla scorta della regola dell'art. 41 c.p., sicché la concomitanza di cause naturali preesistenti o sopravvenute non esclude la responsabilità dell'agente, salvo intervenire con lo strumento equitativo nella fase di liquidazione del danno a fini di riequilibrio.

Guida al Diritto

Guida al Diritto è il settimanale di documentazione giuridica più diffuso nel mondo legale. L'unico firmato Il Sole 24 ORE.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?

loader