Numero 1 -


Per la Cassazione non è reato la trascrizione di un figlio nato all’estero con la pratica dell’utero in affitto

Va esclusa l'ipotesi delittuosa di cui all'articolo 567, comma 2, del codice penale nel caso di dichiarazioni di nascita effettuate ai sensi dell'articolo 15 del Dpr n. 396 del 2000, in ordine a cittadini italiani nati all'estero e rese all'autorità consolare sulla base di certificato redatto dalle autorità ucraine che li indichi come genitori, in conformità alle norme stabilite dalla legge del luogo

Guida al Diritto

Guida al Diritto è il settimanale di documentazione giuridica più diffuso nel mondo legale. L'unico firmato Il Sole 24 ORE.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?

loader