Numero 14 -


Un caso di gelosia che fa scattare i “futili motivi”

Si ricorda come la gelosia possa indurre a negare l’aggravante in parola solo ove si traduca in spinta davvero forte dell’animo umano tale da provocare azioni assolutamente inaspettate e illogiche e non qualora, come in questo caso, l’azione risulti espressione di uno spirito punitivo nei confronti della vittima, intesa di propria appartenenza.

Selene Pascasi

Guida al Diritto

Guida al Diritto è il settimanale di documentazione giuridica più diffuso nel mondo legale. L'unico firmato Il Sole 24 ORE.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?

loader