Numero 41 -


Una soluzione che lascia perplessi sulle conseguenze

In altre occasioni la Suprema corte aveva affermato che ove risulti evidente che la firma non corrisponde a quella depositata presso la banca, quest’ultima, in osservanza delle prescrizioni di legge e in forza dei principi di buona fede e correttezza, deve adottare le opportune cautele per evitare di arrecare al correntista un pregiudizio ingiusto.

Mario Finocchiaro

Guida al Diritto

Guida al Diritto è il settimanale di documentazione giuridica più diffuso nel mondo legale. L'unico firmato Il Sole 24 ORE.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?

loader