Numero 11 -


Licenziamento intimato a causa di espressioni lesive nella chat tra lavoratori

LA QUESTIONE Deve essere esclusa la valenza diffamatoria delle espressioni rese dai lavoratori nella chat whatsapp di un gruppo riservato, che siano manifestazioni della reazione soggettiva a condizioni di lavoro che, a torto o ragione, non vengono considerate soddisfacenti dal lavoratore e ove il linguaggio sia quello disinvolto e volgare che caratterizza ormai la comunicazione sui social network.

Guida al Diritto

Guida al Diritto è il settimanale di documentazione giuridica più diffuso nel mondo legale. L'unico firmato Il Sole 24 ORE.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?

loader