Numero 27 -


Libera circolazione: sì alla famiglia omoaffettiva

Il rifiuto, opposto dalle autorità di uno Stato membro, di riconoscere, ai soli fini della concessione di un diritto di soggiorno derivato a un cittadino di uno Stato terzo uno Stato che vieti il matrimonio tra persone dello stesso sesso nel proprio ordinamento, può invocare l'ordine pubblico per non riconoscere quello formatosi in un altro Paese? È questa una delle risposte date dalla Corte di giustizia con la causa C-673/16

Giuseppe Buffone

Guida al Diritto

Guida al Diritto è il settimanale di documentazione giuridica più diffuso nel mondo legale. L'unico firmato Il Sole 24 ORE.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?

loader